Stampa

 31-07-2009 Cuccioli di cinghiale uccisi a Sori

Cuccioli di cinghiale uccisi a Sori…..forse “figli di un Dio minore? 

Il giorno 21 luglio riceviamo una telefonata che ha del terrificante e di cui abbiamo deciso di non portarVi a conoscenza in quanto la persona che ha telefonato ci ha fatto rabbrividire con le sue dichiarazioni che, purtroppo ci sono parse estremamente veritiere.

Ora la notizia è apparsa sui quotidiani e quindi ne parliamo con maggior sicurezza.

La Signora era sconvolta in quanto aveva assistito ad una scena raccapricciante, resa ancora più cruenta dal fatto che a partecipare alla “mattanza”descrittaci pare abbia partecipato anche il Parroco.

Ecco il fatto: cinque “grandi uomini” dotati veramente di forte coraggio e umanità, fra cui appunto il Parroco di Sori, dopo un'allegra cenetta fra amici, forse non sapendo come concludere la serata hanno pensato bene di riversare il loro “essere grandi uomini” su due cuccioli di cinghiale dell'apparente età di tre mesi.

Come si sono divertiti il prelato ed i suoi amichetti, beh, in modo cristiano cattolico umano…..hanno ucciso a bastonate e badilate quelle due povere creature create probabilmente da un Dio che, presumibilmente, non ritengono essere anche il loro.

Quasi sicuramente non è il Dio di Don Marco, in quanto pare sia stato proprio lui a spingere i cuccioli nel recinto da dove le bestiole non hanno più potuto avere scampo e sono morte fra atroci sofferenze comminate da animali più grandi e cattivi che non soffrivano, chissà magari ridevano anche.

Brave persone abitano nel Comune di Sori, brave e coraggiose, infatti solitamente tutti si girano dall'altra parte, ma questa, volta, per fortuna, l'indignazione ha trionfato e la Signora ha seguito il nostro consiglio ed ha sporto denuncia e come ormai tutti sanno in quanto l'articolo è stato pubblicato sul nostro quotidiano “Il Secolo XIX”, sia il Parroco che i suoi compagnoni sono stati iscritti nel registro degli indagati.

Non sta a noi dire se questo fatto sia accaduto o meno, se ci siano dei colpevoli o meno, se i cuccioli di cinghiale siano finiti nel congelatore “della Chiesa” per opera dello Spirito Santo o per mano di un Parroco; certo è che se la procura dovesse accertare la veridicità dell'accaduto sono molte le domande che viene istintivo porsi in primis: per chi vale il quinto comandamento?